Archivi Blog

Un cappello per Zoe

Ultimo cappello realizzato su ordinazione e partito un paio di giorni fa per il Canada.

E’ un cappello per una bimba di due anni e per farlo ho dovuto realizzare una forma espressa perchè quelle poche teste di legno che posseggo sono in misura standard da donna.

La forma doveva essere senza tesa perciò semplice da realizzare (la tesa l’ho modellata liberamente); ho pensato di costruirmela usando carta di giornale e nastro da pacchi, quello marrone per intendersi.

Il risultato non è male, ma sicuramente da perfezionare: infatti le imperfezioni date dalla sovrapposizione del nastro da pacchi si trasferiscono al feltro teso e lasciato asciugare sulla forma, e anche se poi vanno via sarebbe meglio che la superficie della forma fosse liscia liscia.

Comunque, ecco qua la forma homemade, niente paura l’ho fatta un pò più alta per mia comodità, così riesco a lavorare meglio la tesa!

forma

forma

Ed ecco il cappelluccio: al solito feltro fatto a mano di lana merinos certificata teso sulla forma che vi ho appena fatto vedere, per modellare il feltro ho usato sempre il solito metodo amido di riso-vapore.

Il bordo è rifinito in pelle di riciclo nera e il motivo ricamato a pseudo intaglio da me.

cappello

cappello

cappello

cappello

cappello

Una considerazione che mi sento di fare: i prezzi delle poste italiane per spedire pacchi all’estero sono scandalosi!

Buon fine settimana!!

Collare Tribale

Nelle mie manie ossessive compulsive rientra anche quella di strappare pagine da giornali, quotidiani e ogni tipo di supporto cartaceo in cui ci sia una foto o un particolare che attragga la mia attenzione.
Questi pezzi di carta poi vengono riuniti in un mega quadernone ad anelli che ogni tanto riguardo, ma più spesso giacciono nella mia borsa, in giro per la casa accartocciati e spiegazzati o attaccati qua e là nello schifido-laboratorio.
Non so come ma solo il fatto di aver strappato l’immagine comunque pianta un piccolo semino nella mia mente finchè  un giorno un’immagine emerge dal groviglio cervellotico che ho in testa per quel magico procedimento di rielaborazione creativa che ogni volta mi stupisce.
Bhè le immagini che questa volta ad un certo punto mi hanno illuminato sono state raccolte diverso tempo fa su Vanity Fair.
Ho cercato di catturare il colore, lo stile e la magia di questi ornamenti con il feltro.
Per la chiusura ho usato dei gancetti, quelli per le gonne per intenderci, in modo che la chiusura non si vedesse e come al solito ho cercato di lavorare senza cuciture, i vari fili poi sono fusi nei quadrati che formano il retro del collare.
Poi un pizzico di perline come ultimo tocco.
Non ho osato l’autoscatto, se trovo qualche anima pia che si presta a ritrami aggiungerò anche la foto per farvi vedere come risulta indossata, però sono felice di come è venuta e quelli che l’hanno vista hanno detto subito “afro!” …. bhè … allora posso dire “missione compiuta”!

Borsa Italia

Finalmente vi posso mostrare una delle mie ultime fatiche! Per realizzarla ho fatto un pò di esperimenti: il corpo borsa e i manici sono al solito un unico elemento (i manici non sono cuciti) però questa volta ho cercato di dare proprio uno spessore ben definito al corpo borsa tendendolo e facendolo asciugare su una forma che ho creato appositamente dopo aver fatto delle  impunture decorative per farne risaltare la silhouette.

Il cuore spinoso è stato lavorato contemporaneamente al corpo borsa, gli unici elementi cuciti sono la trina ad uncinetto e i cuori applicati sui manici.

L’interno è foderato con una tela grezza e munito di taschino; la chiusura è costituita da un nastro in gros grain e  l’etichetta è fatta con il polyshrink.

Ma veniamo al nome, l’ho chiamata Italia perché c’è un chiaro riferimento ai colori della nostra bandiera ed il cuore spinoso rende bene l’idea dell’amore che mi lega al mio paese, un amore non privo di sofferenze 🙂

Spero vi piaccia!

Questo slideshow richiede JavaScript.

Pannello in feltro “Safari”

P9260211  P9280220 PA030012 PA030009  PA030011  PA030006 

Da qualche tempo mi frullava per la testa l’idea di fare una borsa in feltro con fantasia animalier, ma non riuscivo a svilupparla: questo tipo di fantasia imperversa ormai da ogni parte e in ogni variante di colore!!

Poi è venuta la “visione”: invece di proporre il solito maculato perché non dargli un “volto”?

Ed ecco che poi tutto è venuto da solo: il modello che sarà tipo cappelliera (quante ne avevano le dame inglese espatriate nelle colonie?!?) con manico unico e tracolla staccabile rifinito in pelle di vacchetta color cuoio, il bozzetto … e poi la lavorazione del pannello in feltro!!!

Mi ci sono volute all’incirca dodici ore per realizzarlo, prima ho dovuto ingrandire il bozzetto di circa il 40% (la lana lavorandola “ritira” un bel pò!)  per avere delle linee guida su cui approntare un disegno di massima con la lana, poi fatti due strati con la lana merinos ho rullato un pò il tutto per farlo diventare un prefeltro.

A quel punto ho cominciato a infeltrire con l’ago per definire i contorni, “dipingere” i musi degli animali e il loro manto, rullato il tutto per compattare le parti infeltrite ad ago con lo sfondo e poi ho follato energicamente!!!

Il risultato è quello che vedete nelle foto qui sopra …. devo dire che ne sono molto soddisfatta!

Il pannello posteriore della borsa sarà tinta unita.

Presto vi mostrerò la borsa fatta, ho già cominciato a mettere insieme fodera, cerniere, pelle …. il lavoro è ancora tanto!!!